Hacking Labs Associazione

Facebook, utenti cavie per la pubblicità?

A rivelarlo un'inchiesta del Wall Street Journal: tutte le principali applicazioni avrebbero inviato a società terze i numeri unici relativi ad ogni profilo. Milioni di profili svelati, anche quelli più protetti

Roma - Si tratta di un'inchiesta che metterebbe nuovamente in crisi il sistema di sicurezza del social network più popoloso del web, Facebook. Buona parte dei suoi attuali 500 milioni di utenti sarebbe infatti a rischio, apparentemente sacrificata agli oscuri signori dell'advertising. È stato il Wall Street Journal a parlare dell'ennesimo buco tra le maglie della privacy garantita (o meno) dal sito in blu, a coinvolgere in particolare tutti quei consumatori di applicazioni come FarmVille.


Tutte le app presenti nella classifica delle più usate su Facebook avrebbero in sostanza inviato informazioni personali verso un gruppo di almeno 25 società terze, tutte specializzate in pubblicità e raccolta dei dati per la profilazione mirata all'advertising. Società che avrebbero rastrellato a mezzo app una gigantesca serie di dati, in specie quello che viene chiamato Facebook ID. Ovvero quel numero unico che viene assegnato dal sito in blu a ciascuno dei profili registrati.

Un dato attualmente non protetto dal social network, che può tranquillamente essere associato anche a quelle identità in blu più attente alla propria privacy. A partire dai numeri unici, le 25 società avrebbero avuto accesso ad informazioni basilari degli utenti come residenza e occupazione, ma anche a liste di amici. Alcune delle top ten applications avrebbero permesso all'advertising di avere ulteriore accesso ai dati relativi alle amicizie di uno qualunque degli attuali giocatori di FarmVille.

 

Roma - Si tratta di un'inchiesta che metterebbe nuovamente in crisi il sistema di sicurezza del social network più popoloso del web, Facebook. Buona parte dei suoi attuali 500 milioni di utenti sarebbe infatti a rischio, apparentemente sacrificata agli oscuri signori dell'advertising. È stato il Wall Street Journal a parlare dell'ennesimo buco tra le maglie della privacy garantita (o meno) dal sito in blu, a coinvolgere in particolare tutti quei consumatori di applicazioni come FarmVille.

Tutte le app presenti nella classifica delle più usate su Facebook avrebbero in sostanza inviato informazioni personali verso un gruppo di almeno 25 società terze, tutte specializzate in pubblicità e raccolta dei dati per la profilazione mirata all'advertising. Società che avrebbero rastrellato a mezzo app una gigantesca serie di dati, in specie quello che viene chiamato Facebook ID. Ovvero quel numero unico che viene assegnato dal sito in blu a ciascuno dei profili registrati.

Un dato attualmente non protetto dal social network, che può tranquillamente essere associato anche a quelle identità in blu più attente alla propria privacy. A partire dai numeri unici, le 25 società avrebbero avuto accesso ad informazioni basilari degli utenti come residenza e occupazione, ma anche a liste di amici. Alcune delle top ten applications avrebbero permesso all'advertising di avere ulteriore accesso ai dati relativi alle amicizie di uno qualunque degli attuali giocatori di FarmVille.Mica pochi. Sempre secondo l'articolo del Wall Street Journal, sarebbero quasi 60 milioni gli utenti di Facebook improvvisatisi agricoltori e allevatori di bestiame. Al terzo posto della top ten, il gioco di poker sviluppato da Zynga Texas HoldEm (36,3 milioni di utenti); al settimo posto il popolare Mafia Wars con 21,9 milioni di utenti. E tutte le applicazioni della classifica avrebbero inviato i numeri unici a società di tracciamento e profilazione dei netizen per scopi pubblicitari.

C'è chi ha subito negato, almeno sull'intenzionalità delle trasmissioni. Ad esempio il vicepresidente di RapLeaf, società coinvolta nell'inchiesta del WSJ, che ha sottolineato come l'invio dei dati da parte delle app sia stato del tutto involontario. Un portavoce di Facebook ha spiegato come la sua azienda abbia adottato le misure necessarie per limitare lo sfruttamento dei dati da parte di società terze come RapLeaf.

Pare infatti che gli alti vertici del sito in blu abbiano già messo al bando alcune delle applicazioni spifferone, tra cui quelle sviluppate dalla società di San Francisco LOLapps Media. Gli utenti di app come Gift Creator e Quiz Creator sono stati reindirizzati verso la pagina principale di Facebook. Lo stesso portavoce ha parlato di violazione dei termini d'uso della piattaforma social.

Quella del WSJ non rappresenta il primo campanello d'allarme per la privacy di milioni di utenti in blu. Una lettera aperta di Electronic Frontier Foundation (EFF) aveva già pregato il CEO Mark Zuckerberg di risolvere al più presto quello che era stato definito app gap. Possibilmente dando ai suoi utenti la possibilità di scegliere quali applicazioni possano avere accesso ai dati personali.

Un precedente studio statunitense aveva poi puntato il dito contro le principali piattaforme social del web: i nomi utente o ID number sarebbero stati visualizzati dall'advertising al momento del click su uno spazio pubblicitario online. Tra le società coinvolte c'erano Google DoubleClick e Yahoo! RightMedia.


fonte http://punto-informatico.it

Mauro Vecchio

 

Back to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information